La crisi dello Sri Lanka e il nostro aiuto

Lo Sri Lanka sta affrontando la più grave crisi economica e umanitaria dall’indipendenza e versa ora in una situazione economica disastrosa dovuta all’immenso debito pubblico, alla mancanza dei proventi del turismo bloccato dalla pandemia Covid e alle ultime riforme agrarie che hanno disastrato l’agricoltura generando la carenza di molti generi alimentari per gran parte della popolazione.

Ad agosto del 2022, grazie alle firme dell’8X1000, L’UBI ha potuto stanziare un aiuto concreto che ha sostenuto quasi 5000 persone dello Sri Lanka e i primi fondi destinati al tempio Saddharma Keerthi Sri Vinayacharya del Ven. Olaboduwe Dhammika Thero sono stati trasformati in pacchi viveri, beni di prima necessità e materiale didattico per le bambine e i bambini che sono tornati a scuola.

 

A questo intervento dell’UBI si aggiunge la campagna per la donazione di medicine per l’ospedale oncologico in Sri Lanka organizzata dal Tempio Lankaramaya di Milano, di cui il Ven. Dhammika Thero è guida spirituale.

E finalmente sono iniziati i lavori per il progetto “Eye Clinic di Balangoda” del Monastero Santacittarama.

Il “Base Hospital” di Balangoda necessitava da tempo di un ampliamento del reparto oculistico. L’importanza dell’ospedale è strategica: presta cure a circa 1.000 persone al giorno e ha a disposizione 250 posti letto. La clinica oculistica “Eye Clinic” garantisce cure per 50/75 pazienti al giorno. Glaucoma, cataratta, retinopatia diabetica, gravi malattie e disfunzioni oculari sono all’ordine del giorno.

La clinica oculistica si occupa anche di assegnazione di lenti per occhiali.

Lo staff medico ha individuato uno spazio adiacente all’attuale clinica, adatto alla creazione di una vera stanza per le visite da parte dello specialista e dello staff. Questo provvederà al miglioramento del servizio e della qualità delle visite per la popolazione.

Le foto, scattate in questi giorni da un praticante del Monastero Santacittarama testimoniano la situazione di caos dell’accettazione del reparto di oftalmica di Balangoda e del perché urge una stanza della accettazione nuova e separata dalla zona visite, il team ospedaliero e l’inizio lavori avviato.