La voce del silenzio, un momento di riflessione, dialogo e incontro tra culture

“Per il Buddhismo il silenzio non è mera assenza di parole, ma è esperienza di connessione con il tutto esistente. Oggi la società è sommersa dal rumore. Vale l’idea del filosofo Karl Popper secondo cui, oltre un certo livello di input sensoriali, tutti noi perdiamo le nostre abilità cognitive e perdiamo il nostro senso etico.” Filippo Scianna, 21 marzo 23, La voce del silenzio.

Il Cortile dei Gentili – in collaborazione con l’Unione Buddhista Italiana – ha organizzato un momento di riflessione, dialogo e incontro tra culture e presso il Centro Congressi Fondazione Cariplo di Milano.

Riscoprire il silenzio, inteso non come assenza di suoni, ma come spazio interiore di ascolto, ricerca e approfondimento per entrare in connessione con sé, con gli altri e con il mondo che ci circonda.
Un’occasione per approfondire la dimensione spirituale e culturale del tema, anche a partire da alcuni cenni storici sulla religione cristiana e sulla religione buddhista.

Sono intervenuti:

Filippo Scianna, presidente dell’Unione Buddhista Italiana, il Cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente emerito del Pontificio Consiglio della Cultura e fondatore del Cortile dei Gentili e il Prof. Marcello Ghilardi, Professore di Estetica e di Philosophy of Interculturality all’Università di Padova, moderati dal giornalista Fabio Colagrande, di Radio vaticana.